Le Cronache del Cavaliere Scemo (X)

Bentornati, cari apprendisti.

Ma vi rendete conto che ho pubblicato la parte IX di questa incredibile serie il 22 agosto 2015? Sono passati cinque mesi! Io a momenti neanche mi ricordo più i nomi dei personaggi! Ma, non abbiate timore, ho già trovato un modo per rimediare a un simile affronto, a questa incredibile mancanza di rispetto nei confronti del Lettore. In che modo, vi starete chiedendo? Regalandovi banconote di piccolo taglio non segnate Pubblicando la parte X, l’epico Gran Finale! Tremila parole di puro godimento, sparate dritte in vena, che vi porteranno verso il tanto agognato finale! Pronti per questa esperienza di pre-morte gioia infinita? ^_^

Avevamo lasciato uno Spark allibito davanti a una Neese apparsa dal nulla, rimembrate tutti? Bene. Come sarà, dunque, l’attesissima riunione di questa coppia divisa dall’avverso Destino? Cosa si diranno mai questi due giovani sventurati? Un bel niente, perché Neese è solo un’illusione. Incredibile Colpo di Scena! Ma aspettate! Facciamo un passo indietro e fatemi cominciare dall’inizio.

La ragazza (Neese) appare sulla soglia con un’espressione ebete sul volto. Spark, inizialmente sbigottito, le va poi incontro con una baldanza che non gli appartiene e che, dato il momento, ho trovato anche fuori luogo. Laina gli fa, tuttavia, notare che in realtà quella che ha di fronte (e con la quale sta parlando (Spark, sei sempre così sveglio!)) non è Neese. Incredibile Colpo di Scena! Immediatamente la finta Neese si trasforma in una nuvoletta di fumo che, un secondo dopo, assume le sembianze del perfido Vagnado. Ma neanche Vagnado è davvero lì! Incredibile Colpo di Scena! Infatti, Vagnado, dopo aver giustamente sbeffeggiato Spark per la sua stupidità, svanisce nel nulla. “Che sta succedendo? Perché accade tutto ciò?”, vi starete chiedendo. “A cosa è servita questa scena?” L’unica spiegazione logica che mi è venuta in mente è questa: Mizuno ha voluto terminare il capitolo precedente con un grosso colpo di scena (l’apparizione di Neese) ma poi ci ha ripensato (probabilmente perché ha ritenuto troppo anticipato il loro incontro) e, non potendo modificare il precedente capitolo ormai pubblicato, ha messo all’inizio del successivo una bella toppa, sperando che in questo modo si risolvesse la situazione. Grandissimo, meraviglioso modo per iniziare l’articolo! Magari trovassi sempre degli incipit così buoni.

Dopodiché, combattimenti! Botte, sangue e legnate ovunque! Spark si capofionda oltre la porta appena aperta dalla quale è apparsa l’illusione di Vagnado, mentre Laina rimane a combattere contro Jiba (che ora ha ripreso le forze ed è di nuovo in piedi). Un gesto estremamente cavalleresco, quello di Spark, lasciatemelo dire: abbandonare un compagno in un combattimento contro un elfo oscuro (che gliele sta suonando 1vs2, figuriamoci ora che combatterà 1vs1) è un tocco di vera classe. La scena, più o meno, va in questo modo:

Laina (rivolta a Spark): “Tu va’, vai a cercare Neese. Ci penso io qui. Fidati di me.”

Spark fa un cenno d’assenso col capo ed esce di scena.

Jiba: “Sei sicura che puoi farcela da sola?”

Laina: “Certo. Prima combattevo solo per vendetta, ma ora combatto per difendere i miei amici! Cristallo dell’Amicizia! Attivazione!”

Attimi di silenzio durante i quali non accade nulla.

Jiba malmena brutalmente Laina.

Nel frattempo la sorella di Jiba, dopo aver opportunamente scapitozzato metà dei soldati nel castello di Marmo (che culo che abbia ammazzato solo i nemici della Brigata Spark, nevvero?), si imbatte in Gallac e Leif. Leif si dimostra inutile (come al solito) e Gallac se la deve sbrigare da solo (come al solito). Sopraggiungono anche Greevas e l’omertoso Aldo, e il primo, lanciando l’alabarda (!!!) contro il mostro ragnoso, esegue un mirabile kill steal. Gallac, che è un giocatore pacato e non vuole scatenare sterili polemiche, non grida al KS, ma si congratula con il nano per il tempismo perfetto.

In qualche modo anche Jiba risente del colpo subito dalla sorella e interrompe il combattimento contro Laina (che le stava prendendo di santa ragione, tra l’altro, visto che il Cristallo dell’Amicizia ha fatto cilecca). Dunque l’anima (che poi tanto anima non è, io l’ho trovata fin troppo corporea) della sorella di Jiba si ricongiunge con il fratello e i due se ne volano fuori dal castello, in una scena tanto onirica e sentimentale quanto assolutamente messa a caso. Intanto il resto del gruppo si ricongiunge con Laina, giusto in tempo per assistere alla scena tanto onirica e sentimentale quanto assolutamente messa a caso.

Spark, dal canto suo, è giunto alla fine del tunnel (non nel senso che è morto, intendo in senso letterale), e oltrepassa un portone a doppia anta riccamente decorato con tanto di statue/totem scolpite nella pietra a lato. “Cattivo ma con stile”, è questo il motto di Vagnado. Dentro vi trova Vagnado e Neese, incatenata fra due colonne e vestita come Jessica Rabbit. Non voglio neanche sapere cosa stesse facendo Vagnado con Neese, preferisco passare alla scena successiva.

Spark si precipita verso l’amata tredicenne ma Vagnado lo blocca con dei non-morti che fuoriescono dal fottuto pavimento (semi-cit.) impedendogli di raggiungere la fanciulla in periglio. Tuttavia gli strillazzi poco eleganti di Spark riescono comunque a far rinsavire Neese, che riesce ad allentare la presa magica che Vagnado ha su di lei grazie alla forza più forte del mondo. No, non sto parlando dell’interazione nucleare forte, ma della forza dell’Amore!

E arriva il momento. Il grande momento che tutti stavamo aspettando. Il Momento. Signore e signori, Neese scatena la Sacra Filippica su Vagnado! Ma attenzione, Vagnado ribatte con la sua arma segreta: l’Empio Infodump! È superefficace! Neese è confusa!

Per bocca di Vagnado veniamo a sapere che, cento anni prima degli eventi attuali, sull’isola di Marmo un piccolo gruppo di fedeli venerava la dea Kardis (la religione ufficiale di Marmo è il culto di Falaris) e che una certa Narniel, gran sacerdotessa di Kardis, tentò di riportare in vita la dea. Per farlo prese possesso dell’anima della madre di Neese (Leylia) grazie alla reincarnazione (se non state capendo è normale). La gran sacerdotessa di Marfa venne a sapere della maledizione e offrì la salvezza a Leylia in un modo piuttosto semplice: fece diventare Leylia sacerdotessa di Marfa, e tanto bastò. Tuttavia Leylia ebbe una figlia (Neese) che ha ereditato la maledizione della reincarnazione di Narniel (???). Fino ad ora Narniel non ha mai preso possesso dell’anima di Neese (che non si è mai neanche accorta della presenza dell’altra) ma Vagnado è in grado di permetterglielo.

E accade: Shenron Il Genio della Lampada Narniel si risveglia, e la prima cosa che fa è chiedere a Vagnado: “Qual è il tuo desiderio?”. Non mi è chiaro per quale motivo Narniel dovrebbe esaudire desideri. E in questo veniamo a conoscenza del motivo che ha spinto Vagnado a evocare Kardis (anche se in realtà ha evocato Narniel… lo so, è un po’ confusa la cosa): ottenere il Potere Supremo e Assoluto! Che altro, se no?

Narniel esaudisce il desiderio di Vagnado schioccando le dita e, PUF!, Vagnado diventa un vero Evil Overlord, come aveva sempre sognato, onnipotente e trascendentale. Spark, che solo ora si rende conto di non essere più trattenuto dai non-morti, acchiappa la spada e infilza Vagnado, uccidendolo (ma chi ci crede?).

Nella pausa caffè tra una scena e l’altra vediamo Jiba ammazzare il patriarca degli elfi e tutta la sua scorta. Così, per hobby. Da notare che nel volume successivo li ritroveremo tutti quanti, ancora vivi e ancora nello stesso identico punto del castello.

Ma torniamo a noi. Il resto della compagnia raggiunge Spark e trovano che il non-più-aspirante-cavaliere ha già accoppato il perfido Vagnado. Ma c’è poco da gioire, visto che Narniel ha preso possesso del corpo di Neese. Spark chiede all’omertoso Aldo, che rivela solo ora di conoscere tutta la verità riguardo a Neese e Narniel, come sciogliere la maledizione. Ma a rispondere alla domanda di Spark è una voce alle sue spalle. Infatti lo spirito di Vagnado si separa dal corpo e, assumendo forma di serpente (simbolismo! simbolismo!), spara uno spietato Empio Infodump Evil Overlord Edition che spiazza i nostri eroi e li confonde. Innanzitutto, spiega, Narniel non ha ancora preso il controllo definitivo del corpo di Neese, né l’anima della giovane è ancora stata soggiogata dalla volontà dell’altra. In pratica dice alla Spark & Co. che c’è ancora speranza. Inoltre, ora che è diventato Evil Overlord, non gliene frega più nulla di evocare Kardis e l’ultimo ostacolo che dovranno affrontare è Jiba. Che piomba immediatamente nella stanza sfondando il soffitto, con un tempismo più unico che raro.

Ora (cliccare QUI prima di proseguire, il brano musicale vi accompagnerà nella lettura del prossimo paragrafo): la stanza dove Vagnado sta eseguendo il rituale d’evocazione è nel cuore stesso di Marmo, la stanza più in profondità dell’intero castello, raggiungibile solo attraverso una lunga scalinata verso il basso. Coma ha fatto Jiba a sfondare venti metri di dura pietra con un calcio?

  • Risposta numero A: Jiba è più forte di Goku.
  • Risposta numero B: Gli Incredibili Plot Hole hanno piegato lo spazio lungo una quarta dimensione, in modo che, anche scendendo una ripida scalinata, ci si ritrova appena dieci centimetri sotto la stanza superiore.
  • Risposta numero C: Il castello è costruito con gli stessi fragilissimi mattoncini usati nei livelli di Super Mario.
  • Risposta numero D: Tanto è fantasy!

Dopo l’arrivo di Jiba, tutti i presenti (Jiba incluso) restano in silenzio ad ascoltare le farneticazioni di Vagnado (“Mi chiamano Malvagio&Perfido ma io ho solo fatto quello che fanno tutti”, oppure “Sono egoista, ma almeno io l’ammetto”, o anche “Chi vi governa fa scoppiare guerre per motivi futili e vi spinge a uccidervi l’un l’altro senza un vero motivo eppure ritenete loro guide sagge e me una minaccia”). Dopodiché il perfido verrà inghiottito dagli Incredibili Plot Hole e non lo rivedremo mai più (è sempre un piacere quando l’antagonista della serie sparisce di punto in bianco, passando il ruolo di antagonista a qualche scagnozzo).

Dopo il lungo bla bla bla di Vagnado, i presenti, di comune accordo, decidono che è ora di fare a legnate. Inizia Spark, che salta addosso a Jiba brandendo una spada che, a occhio e croce, deve pesare almeno dieci chili. L’assalto di Spark, tuttavia, va a vuoto e il giovane si ritrova infilzato da uno sperone di roccia magico creato da Jiba. Incredibile Colpo di Scena!

E scoppia il panico: Neese riprende coscienza, dopo aver udito il grido di dolore di Spark; Jiba scavalca con un balzo la coppia Gallac-Greevas; Leif lancia un inutile incantesimo di fuoco contro Jiba, che lo rimanda al mittente dieci volte più grosso (purtroppo per fortuna Laina salva il sedere a Leif, tirandola via dalla traiettoria); Greevas si precipita sul corpo di Spark lanciando incantesimi di guarigione che non sembrano avere effetto; la sorella/anima/ragno di Jiba si stacca dal di lui corpo per fondersi con quello di Neese; Gallac molla l’ascia bipenne per lanciarsi disarmato (???) contro Jiba; Jiba lancia una colonna orizzontale di fuoco contro Gallac che la blocca incrociando gli avambracci (!!!); Gallac prende lo Scettro della Vita e lo lancia a Greevas; Jiba interrompe il nano chierico con un incantesimo; la Spark & Co. fugge.

Nonostante abbiano un ferito che deve essere trascinato di peso fuori dalla stanza, nonostante siano sparpagliati ai quattro angoli della stessa, riescono comunque a uscire tutti nel giro di tre secondi netti. Tutti tranne Gallac, che rimane all’interno per chiudere la porta alle spalle dei compagni. E muore per mano di Jiba, infilzato dagli stessi speroni magici che hanno ferito anche Spark.

Mentre i nostri riorganizzano le forze (con cura totale della ferita mortale di Spark), Jiba porta avanti il rituale di resurrezione. “Perché?”, vi starete chiedendo. La risposta ce la dà l’onnisciente Aldo (che sa molte più cose di chiunque altro nella serie, ma non dice un accidente a nessuno neanche sotto tortura): perché Jiba spera che in questo modo Kardis riporti in vita la di lui sorella. Ma quanto è n00b?! Non sa che Resurrezione è un incantesimo di Guarigione? Kardis avrà come dominio Morte, Male e Magia, per cui Resurrezione non è un incantesimo di sua competenza. N00b! LOL!

Dopo un breve momento passato in ricordo di Gallac (durante il quale Laina, per far sembrare meno dura la morte di Gallac, decide di infangare il di lui nome con affermazioni del tipo: “Gallac era solo un mercenario, tutto quello che ha fatto lo ha fatto per soldi”, o “Ci proteggeva solo perché Kashew gli aveva promesso una ricompensa da capogiro”), Spark impugna la sua potente spada magica e-

Natsumoto: “Aspetta. Quale spada magica?”

Mizuno: “La sua, no? Non è magica?”

Natsumoto: “Mi sembra di ricordare che la sua non fosse una spada magica, ma una semplice spada. Di una decina di chili, tra l’altro.”

Mizuno: “Dici?”

Gli Incredibili Plot Hole (sussurrando in un orecchio a Mizuno): “Non c’è problema. Falla diventare magica, adesso. Ci vuole meno di una pagina. E così, in un attimo, risolverai tutti i tuoi problemi.”

Mizuno: “Quella spada… potrebbe… diventare magica…”

Natsumoto: “Così, all’improvviso? Sei sicuro che sia una buona idea?”

Gli Incredibili Plot Hole (sussurrando a Mizuno): “DEVE diventarlo. Non esiste fantasy senza spada magica. Cosa penserebbero di te i tuoi fan?”

Mizuno (con lo sguardo perso nel vuoto): “Sì… La farò diventare magica… molto magica…”

E così sia: spada magica outta nowhere!

Aldo impugna la spada da dieci chili di Spark e vi infonde tutta l’energia magica rimastagli. Creando SPEZZAMAGIA, LA SPADA RUNICA!

Armato della potentissima Spezzamagia outta nowhere, Spark torna nella sala tagliando a metà il portone con un solo colpo (!!!) per affrontare Jiba. Ovviamente lo accoppa, perché la nuova spada ha un’aura potentissima (over nine thousand, riferiscono alcuni testimoni).

Ma mentre Spark malmena Jiba, Narniel torna in possesso del corpo di Neese! Incredibile Colpo di Scena! Subito il nostro Spark fa appello all’anima de li mortacci sua di Neese, sperando che lei sia ancora in grado di riprendersi ciò che è suo. Quindi Spark getta Spezzamagia, si sfila tutti i pezzi dell’armatura uno per uno e va incontro a Neese/Narniel. Neese reagisce alla voce di Spark, Narniel perde il controllo (di nuovo) e Spark si ritrova inspiegabilmente davanti alla Cattedrale di Santa Maria del Fiore a Firenze!

In realtà, Spark non è finito nel nostro mondo (per fortuna) ma nei ricordi d’infanzia di Neese (che a quanto pare è cresciuta a Firenze) e assiste al suo grande struggimento: essere sia Neese, sia Narniel. Giusto perché un attimo fa ha detto di non sapere di essere Narniel, di non essersi mai accorta della presenza dell’altra e se non fosse stato per Vagnado, ora ne sarebbe ancora all’oscuro. Ma la coerenza non è di casa e infatti, per qualche motivo, il pavimento cede e Spark si ritrova anche nei ricordi di Jiba. Assistiamo a un Jiba-bambino in lacrime davanti a una pila di cadaveri da una parte (presumibilmente uccisi da lui) e a una folla di persone dall’altra che lo insultano e lo scansano ritenendolo un mostro (che ingiustizia! uno non può più uccidere mezza dozzina di persone che subito gli danno del mostro!). Già che ci siamo, assistiamo anche al breve dialogo tra Vagnado e Jiba, nel quale il primo ricorda al secondo della loro promessa (quella di riportare in vita la sorella di Jiba, ricordate?). Al che la visione sparisce e appare Narniel/Neese che rivela a Spark la Verità: il vero male è nel cuore degli uomini, l’avidità è insita nel loro animo e il genere umano finirà per mano dello stesso genere umano. Parole che suonano quanto mai fuori luogo, se pronunciate da una che sta cercando di far resuscitare la cazzo di DEA della DISTRUZIONE e del MALE, porca troia! Pronto, Mizuno? Lo sai che la gran sacerdotessa della dea della distruzione e del male non suona credibile se se ne va in giro a fare moralismo di bassa lega? Ma perché hai messo una scena del genere? Ah, già… gli Incredibili Plot Hole…

Allora Narniel fa apparire in mano a Spark la sua cara Spezzamagia, compagna di mille battaglie, e lo sfida a ucciderla (tutt’ora me ne chiedo il perché).

Narniel: “Vuoi essere un eroe? Vuoi davvero salvare il mondo? E allora uccidimi e libera Lodoss dalla minaccia di Kardis.”

Spark: “Nessun eroe salverebbe il mondo a questo prezzo! (getta la spada) Io sono venuto qui per salvare te. (abbraccia Neese/Narniel) Forse sei la sacerdotessa di Marfa, forse sei la sacerdotessa di Kardis, ma ciò che conta davvero è chi sei realmente.” [Eh?]

Neese: “Grazie, Spark. Ora ho capito: io sono Neese e sono Narniel. Kardis è potuta entrare in me [evento mai successo] perché rifiutavo di accettare Narniel [di cui non eri a conoscenza]. (rivolta al soffitto a cupola di vetro in frantumi) Non è ancora il tuo momento, Kardis.”

E tutto finisce. Gallac si risveglia (pensavate che fosse morto davvero, eh?) e Laina lo abbraccia forte forte perché è innamorata ma non lo vuole ammettere; Jiba è tornato a essere un infante (???) e le due parti della sua anima si sono ricongiunte (in realtà lo erano anche prima, è per questo che lui è vivo mentre sua sorella no, ma va be’); Neese è tornata in possesso del proprio corpo, questa volta in maniera definitiva. Tutto è bene quel che finisce bene.

Ma non ci stiamo dimenticando qualcosa?

Ma certo! La guerra tra Marmo e il resto di Lodoss! Come ho fatto a dimenticarmene! Flaim e Kanon hanno fatto sbarcare le truppe a Salvado, il porto principale di Marmo, ed è battaglia senza quartiere in tutta la città. Lord Ashram stesso scende in campo guidando di persona la carica della cavalleria. Sull’altro versante Parn e Deedlit lasciano la tenda di Kashew per unirsi alla battaglia. Parn, prima di uscire, si gira verso il re demente e gli chiede: “Se incontro Spark cosa devo dirgli?”

Parn, tesoro, non stai andando al mercato a comprare i broccoli, stai andando su un campo di battaglia. Recapitare messaggi a una persona che potrebbe benissimo essere morta o trovarsi in un altro luogo dovrebbe essere l’ultimo dei tuoi pensieri.

E il bello è che Kashew gli dà pure retta (te pareva) e gli dice cosa Parn dovrebbe riferire a Spark, ovvero: “”Eri disposto a sacrificare la tua vita, e questo è ciò che significa essere eroi.” Digli questo, lui capirà.” Bella cazzata di frase, complimenti. Contento tu…

Ad ogni modo non sapremo mai come andrà a finire la guerra (né se Parn riuscirà mai a riferire il messaggio a Spark. Lo so è dura ma dobbiamo stringere i denti e farci forza) perché Mizuno la interrompe in questo punto (dopo essersene bellamente dimenticato per un paio di volumi) per non riprenderla mai più, contenti?

Dopo questo brevissimo intermezzo, torniamo subito ai nostri eroi per la scena finale. La Brigata Spark, dopo il combattimento, ha lasciato la sala del rituale, ma non il castello. Dopotutto, perché abbandonare il castello con dentro ancora i soldati nemici quando puoi arrampicarti sulla torre più alta e diroccata per guardare i raggi obliqui del tanto agognato mattino che illuminano un paesaggio idilliaco, sorreggendovi l’un l’altro per via delle ferite che non vi permettono di stare in piedi (ma di scalare una torre di cinquanta metri sì) con un’espressione stanca e soddisfatta allo stesso tempo sul volto e lo sguardo fisso verso il futuro?

E, davanti a questa scena abusatissima dalla letteratura e dal cinema, finalmente giunge il momento di scrivere la parola

FINE


 

SEE YOU AMAZING WIZARD….

Annunci

11 pensieri su “Le Cronache del Cavaliere Scemo (X)

  1. Andiamo con ordine: l’illusione a scatole cinesi mi ha ricordato il talk show di un episodio dei Griffin, con l’uomo che in realtà è una donna che però è un cavallo che invece è una scopa (e relativi momenti Scooby-Doo). Comunque, scrivendo che Neese arriva con espressione ebete, è normale che Spark ci caschi: Neese è una dannata ebete! 😛
    Bello anche il cristallo dell’amicizia, avrebbe donato molto alla storia 😉

    Sacra filippica contro empio infodump… sappi che mi hai ucciso! XD Ora esigo che tu crei un jrpg con quelle mosse, ma senza rallentare col blog ^_^ e ci voglio anche gli Incredibili Plot Hole incarnati in archetipi junghiani.

    Riguardo a Kardis che dovrebbe ressare la sorella di Jiba, credo che un Desiderio di 9° livello possa simulare anche incantesimi di due livelli inferiori, credo che a Resurrezione ci possa arrivare XD perché debba farlo, è un altro discorso, ‘ste divinità coi miracoli gashapon non hanno senso 😕

    Se Neese è fiorentina, si capisce perché è posseduta dal demonio: la scuola toscana delle bestemmie è famosissima!!1!1!

    Porca zozza, avevo dimenticato molti dei nonsense di questa storia – non tutti, solo alcuni. Il ridoppiaggio scazzato Lodoss Agenzia di disinfestazione che vidi il secolo scorso… beh, era molto più serio!
    Sarei curioso di sapere cosa ne pensino i lettori giapponesi, se si siano o meno accorti della sciatteria con cui questa storia è stata composta.
    Che tu sappia, a parte questo scempio e la storia di Deedlit, hanno affidato altri fumetti a Mizuno? Ora ho paura di rileggere Lady of Pharis, ne ho un così bel ricordo…

    Piace a 2 people

    • Questa notte sognerò Neese che urla “maremma maiala!” in faccia a Vagnado! XD

      Mizuno dovrebbe aver scritto le storie di tutti i fumetti di Lodoss, o almeno così c’è scritto in giro. Oltre, ovviamente, ad aver scritto le trame dei romanzi, dei videogiochi, delle serie anime, degli OAV, dei film… insomma ha fatto tutti lui! Ma più che sceneggiatore lui andrebbe accreditato solo come supervisore, perché non credo che abbia davvero fatto tutto lui.

      Lady of Pharis ha lasciato un buona impressione anche a me. Lo stile un po’ “ingenuo” di Mizuno resta, ma il risultato è molto più fantasy che fantatrash. E ciò è bene. La cosa che mi è rimasta più impressa sono i disegni, davvero particolari e molto ben curati, più simili al tratto occidentale che a quello orientale degli altri fumetti di Lodoss.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...